HOME | Lucio Occhipinti
twitter Insupramonte - instagram @sardinialandscape

L'obsolescenza controllata e l'illuminazione (parte I)

Lucio Occhipinti | mercoledì, settembre 24, 2014 | Nessun commento


Nel 1864 nasce un uomo che si chiama Arturo Malignani che ha dato anche il nome a una scuola friulana in Italia. Era una personalità di grande ingegno, nella sua vita, con i suoi studi, riusci' a trovare un modo per creare il sottovuoto spinto per le lampadine per cui fu colui che rese possibile alle lampadine di Edison di funzionare, perché tali lampadine, al tempo, avevano una limitazione, cioè duravano 12 ore. Questo problema mise i due in contatto, Edison pago' Malignani ($ 3000) per avere la cessione del brevetto. Questo brevetto creò una serie di avanzamenti tecnologici, grazie al vuoto spinto. Molte aziende iniziano a costruire delle lampadine estremamente performanti. Già nel 1900 The Shelby Electric Co. in Ohio producevano lampadine che a tutt'oggi sono ancora accese.

Di conseguenza, hanno dimostrato che queste lampadine possono superare i 113 anni senza nessun problema. E cosa successe dopo? Successe che tutte le aziende che producevano lampade si spaventarono di questa grande evoluzione tecnologica, e questo meccanismo avrebbe bloccato la loro evoluzione economica. Il 1924, a Ginevra, tutti grandi produttori di lampadine si riunirono e crearono un'associazione: la Phoebus. Era il 25 dicembre, il giorno di Natale. I produttori decisero di creare un cartello, si chiamerà cartello elettrico, che sarà uno dei primi cartelli della storia, si decise di non far durare lampadine più di 1000 ore: 

"Lighting Service must not be guaranteed, published or offered for another value then 1000 hours. The 1000 hour life in this definition moans average life/toburn-out on normal laboratory test conditions at rated voltage."

Far durare una lampadina oltre cent'anni, nonostante fosse già possibile, avrebbe potuto creare gravi danni. Tutti gli associati, se avessero disobbedito alle regole, avrebbero dovuto pagare delle multe pesanti a livello contrattuale. Di conseguenza le lampadine, nel giro di 15 anni più o meno, arrivarono a durare 2500 ore. E la gente rimase convinta di questo, continuo' a credere che la durata temporale delle lampadine fosse breve. Chi conosceva le lampadine originali era poca gente. Questo tipo di regresso tecnologico a un certo punto diventa un'idea che girava poi in tutta quanta l'Europa e anche negli Stati Uniti. Tanto è vero che a un certo punto, un certo Bernard London, a New York, nel 1932, subito dopo il crollo di Wall Street decide di fare un documento che parlava per la prima volta di obsolescenza controllata, cioè far si che le cose si rompessero in modo da poter creare un lavoro continuativo (Ending the depression Through Planned Obsolescence - by Bernard London, 1932) .
Questo lavoro continuativo veniva creato nulla di più che da delle cose che venivano studiate, dovevano avere un tempo di durata. E lo Stato americano avrebbe dovuto recuperare questi oggetti che dovevano diventare obsoleti. La DuPont, in quel periodo creava delle calze in nylon per donna, che, come recitava la loro pubblicità, erano capaci di trainare una auto. Subito dopo, però, non fu così: ai tecnici della DuPont fu detto loro di creare delle calze meno resistenti, in modo tale che le donne le avrebbero presto rotte, e questo avrebbe creato un lavoro continuativo all'azienda. Nel 1940 subentra un nuovo personaggio, Stevens, un designer, il quale fu il primo che aveva capito un metodo per circuire la gente. Questo modo di lavorare molto semplice, si basava su tre principi: uno era il credito, (quindi le banche creano i prestiti), uno era la pubblicità (che creava frustrazione), il terzo erano le aziende che adottavano il metodo dell'obsolescenza controllata cioè rendere cose che si rompono). Nello stesso periodo mentre un frigorifero negli Stati Uniti durava sei mesi e doveva essere cambiato perché si rompeva, nella vecchia Russia e nella Germania dell'est le garanzie sui frigoriferi e elettrodomestici in generale dovevano essere di 25 anni. Per cui molto ben distanti dall'attuale nostra conosciuta garanzia che non supera quasi mai i due anni. Stephen aveva centrato molto bene il problema.



Email Newsletter

Like what you read here in this blog post?
Get more like it delivered to your inbox daily.



Nessun commento:

Posta un commento

Designed by Prayag Verma
close